Notte europea dei ricercatori, a Ca’ Foscari torna Venetonight

ROMA.  – Con 75 attività tra laboratori per bambini, incontri, spettacoli e visite ideati e condotti da oltre 100 ricercatrici e ricercatori anche grazie a decine di collaborazioni con istituzioni e associazioni di livello locale e internazionale, la quattordicesima edizione di Venetonight si presenta con numeri da record.

Venetonight è l’evento dell’Università Ca’ Foscari Venezia per avvicinare il mondo della ricerca e della conoscenza ai curiosi di tutte le generazioni. In occasione della Notte Europea delle ricercatrici e dei ricercatori, le decine di eventi gratuiti in programma venerdì 29 settembre 2023 accompagnano alla scoperta di molte discipline, attraverso una miriade di occasioni di incontro nelle sedi dell’università e non solo.

La cerimonia di apertura ufficiale si svolgerà a Ca’ Foscari alle 16.30 con i saluti istituzionali, alle 17 via ai laboratori, alla musica nel Cortile di Ca’ Foscari e alle attività in varie sedi dell’ateneo.

L’edizione 2023 di Venetonight – informa l’Ateneo – propone ben 10 visite guidate, accompagnando i partecipanti tra musei, scavi archeologici, calli arabe e ville di epoca romana presentati da professori e ricercatori cafoscarini. Il programma propone diversi turni per le iniziative: la mattina, gli ecologi cafoscarini accompagnano in un’escursione in barca in Laguna Nord, all’insegna dell’ecologia e del rispetto dell’ambiente lagunare.

Dal primo pomeriggio, due itinerari per Venezia mostrano le opere frutto delle committenze delle Arti della Serenissima.

L’isola di San Giorgio diventa poi lo sfondo di una visita alla stanza di Eleonora Duse, ricostruendo la vita dell’attrice.

A Palazzo Ducale si percorreranno gli itinerari segreti e le prigioni. Sarà anche possibile scoprire i graffiti delle carceri e degli ambienti di rappresentanza.

Tra il Museo di Palazzo Grimani, il Museo d’arte orientale e le calli di Venezia, si snodano nove percorsi dedicati alla rappresentazione del mondo animale a Venezia. Una visita guidata percorre la strada tra la Corte del Milion e la basilica dei Santi Giovanni e Paolo per ricostruire verità e leggende sulla vita di Marco Polo e sul Milione. A San Trovaso, invece, si ripercorre la lunga storia della chiesa attraverso i secoli.

La mostra “Thus Waves Come in Paris”, presso Ocean Space, invita a riflettere sull’unione di arte e ricerca. Spostandosi dalla laguna, Villa Pisani a Stra apre straordinariamente le sue porte al pubblico, mostrando gratuitamente gli affreschi di età romana appena restaurati.

Le sedi di Ca’ Foscari si animano con laboratori, concerti, spettacoli teatrali e racconti: 47 laboratori, due concerti, 2 spettacoli teatrali e 14 conferenze percorrono la sede centrale cafoscarina ed i suoi cortili, Ca’ Dolfin, Ca’ Bottacin, Palazzina Briati, Ca’ Foscari Zattere, il teatro Santa Marta e la biblioteca di Area Umanistica (BAUM). Dalle 17 alle 20.30 sarà possibile entrare liberamente nelle sedi per curiosare e approfondire le discipline che più interessano, o quelle che ancora non si conoscono.

Un’attenzione particolare è dedicata ai bambini e alle bambine, che troveranno molte attività e laboratori pensate appositamente per loro: potranno così imparare la probabilità con una fiaba, scrivere il loro nome in aramaico, giocare con storie interattive, e persino creare arte usando dei polimeri.

Sarà anche presente un punto informativo ADMO – Associazione Donatori Midollo Osseo, per introdurre e facilitare le modalità di tipizzazione del midollo osseo agli interessati.

A partire dalle 17, nel palco del cortile Ca’ Foscari, si potranno ascoltare la performance musicale dell’ensemble Musicafoscari, e lo swing del gruppo Peacocks. Alle 20.30 andrà in scena Condominio, una pièce teatrale sul convivere con la diversità, con la drammaturgia di Paolo Puppa. Al Teatro Santa Marta, uno spettacolo e un documentario portano in scena tematiche ambientali e di sostenibilità.

La proiezione di La fattoria dei nostri sogni (John Chester, 2018), prevista per le 17, introduce alle bambine e ai bambini l’agricoltura sostenibile, mentre lo spettacolo Cambiare il clima di Faber Teater affronta alle 18 l’emergenza climatica attraverso video e recitazione. A Ca’ Foscari Zattere – CFZ, la mostra Shards of the Past, Meaning of the Present apre straordinariamente la sera, per mostrare al pubblico reperti storici che raccontino la vita degli “invisibili”, e dei rapporti umani.

Tutte le attività sono gratuite. È richiesta la prenotazione sul sito solo per le visite (prenotazioni aperte fino al 27 settembre). Il resto delle attività e laboratori sono ad ingresso libero. Il programma completo è disponibile nel sito web unive.it/venetonight.

(Red-Lcp/askanews)