Caso Vinicius, chiusa per cinque turni una curva dello stadio di Valencia

Vinicus esulta abbracciato dai compagni dopo la doppietta al Liverpool.
La gioia di Vinicius per la doppietta, (ANSA)

MADRID — La curva chiusa per cinque turni, il club punito con una multa di 45.000 euro e l’espulsione di Vinicius cancellata. È arrivata nella tarda serata di ieri la risposta degli organi sportivi per il caso degli insulti razzisti proferiti contro il calciatore brasiliano del Real Madrid domenica sul campo del Valencia. Poche ore dopo, e mentre il dibattito su questa vicenda proseguiva su social e media, il procuratore generale spagnolo Álvaro Ortiz ha annunciato che un pm sarà incaricato di dirigere un’unità specializzata in “crimini d’odio”.

Le decisioni sanzionatorie relative all’episodio dello stadio Mestalla di Valencia sono state assunte dal “Comité de Competición” della Real Federación Española de Fútbol. Un intervento arrivato dopo che appelli ad affrontare il problema del razzismo nel calcio con maggior severità rispetto a quanto fatto finora erano arrivati in particolare dal Real Madrid, in primis dall’allenatore del club Carlo Ancelotti.

Nel referto del comitato, si indica che Vinicius è stato bersaglio di insulti razzisti da parte più di un sostenitore del Valencia nel corso della partita di domenica. Ma il castigo inferto al club di casa non è stato accolto favorevolmente dalla società valenciana, che ha denunciato un intervento “sproporzionato” e ha preannunciato la presentazione di un ricorso contro lo stesso, pur ribadendo la propria “condanna” di qualsiasi atto di razzismo.

Insieme alla chiusura per cinque giornate della curva ‘Mario Kempes’ del Mestalla e alla multa pecuniaria, il comitato ha quindi scelto anche di rimuovere l’espulsione comminata a Vinicius alla fine del match, quando il brasiliano è rimasto coinvolto in una rissa in cui è stato punito da Var e arbitro per un gesto aggressivo nei confronti di un avversario.

Accanto agli interventi punitivi, la Federcalcio spagnola ha poi lanciato una campagna contro il razzismo, consistente nell’esposizione di uno striscione sul tema da parte degli atleti impegnati nei campionati di calcio nel Paese. “Razzisti, fuori dal calcio”, è lo slogan scelto per accompagnare l’iniziativa.

Nel frattempo, il Real Madrid è tornato in campo nel tardo pomeriggio di oggi allo stadio Santiago Bernabéu, dove ha battuto 2-1 il Rayo Vallecano. Vinicius non ha giocato, ma è comunque stato fatto scendere sul terreno di gioco prima del match per ricevere l’abbraccio del pubblico. Nell’occasione, tutti i compagni di squadra hanno indossato una maglietta della squadra con il suo nome.

Redazione Madrid