Nuova cura per l’insonnia, problema per il 20% di italiani (audio notizia)

Foto di Moondance da Pixabay

 

Al Congresso nazionale della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia in corso a Milano e Venezia è stato presentato un nuovo farmaco in grado di bloccare l’orexina, uno dei principali neurotrasmettitori che agisce sul sonno.

Una buona notizia per gli insonni: oltre un terzo della popolazione mondiale è colpita da insonnia o da disturbi del sonno, il 20% in Italia, in molti casi in forma cronica.

‘Notti bianche’ che possono essere ulteriormente aggravate anche dalla presenza di possibili disturbi psichiatrici o psicoemotivi, come depressione e ansia. Un effetto dominò in cui anche la pandemia ha avuto il suo ruolo.

Però da oggi qualcosa potrà cambiare grazie alla scoperta di un nuovo antagonista in grado di agire sull’orexina, bloccando la sua attività su due recettori. Lo confermano due studi pubblicati di recente su Lancet e su Sleep Journal.

Redazione Madrid