Nel Milleproroghe previsto il rinvio dello Spid per i servizi consolari (audio notizia)

Tastiera di un computer con il "tasto" dello "Spid"
la credenziale digitale (Spid) si può utilizzare da PC, tablet e smartphone

 

Rinviato l’uso obbligatorio dello Spid per l’accesso ai servizi consolari, infatti nel decreto Milleproroghe ne è prevista una proroga fino al 31 marzo 2024. E quindi fino a quella data i cittadini residenti all’estero potranno continuare ad accedere ai servizi consolari in rete, senza impiegare lo Spid o la Carta d’identità elettronica.

Si potrà continuare ad utilizzare il portale per i servizi consolari Fast It per trasmettere le richieste di iscrizione all’Aire e per usufruire delle altre funzionalità anche con credenziali tradizionali.

I connazionali che sono in possesso di credenziali rilasciate prima del 31 dicembre 2023 potranno continuare a utilizzarle per accedere ai servizi in rete fino al 31 marzo 2024.

Redazione Madrid