Centenario della morte di Puccini, “Madama Butterfly” alla Scuola Statale Italiana

MADRID – “Madama Butterfly”, l’opera di Giacomo Puccini, alla Scuola Statale Italiana di Madrid. Andrà in scena martedì 13 febbraio alle ore 18:00.

Quest’anno si celebra il centenario della morte di Giacomo Puccini che si spense a Bruxelles all’età di 65 anni. Fumatore accanito, gli era stato diagnosticato un tumore inoperabile alla gola. Gli fu consigliato di recarsi a Bruxelles dal professore Louis Ledouz dell’Institut du Radium. Il musicista si sottopose ad un delicato intervento chirurgico durato oltre tre ore che si concluse con successo. L’artista non sopravvisse a causa di una posteriore emorragia interna. Era il 29 novembre del 1924.

Montale racconta che Puccini, nel fondo del suo animo, “fu un artista aristocratico, condannato al successo. Si compiacque di questa sua condizione, ma anche ne sentì il pericolo. Di qui la sua malinconia di uomo che non è quella dei suoi personaggi musicali”.

Fu amante delle belle donne. Proprio per questo, forse, le protagoniste delle sue opere sono autentiche eroine, tragiche, apparentemente fragili e assai appassionate.

Sono tanti gli eventi in programma in tutto il mondo per rendere omaggio all’illustre compositore considerato, grazie a “La Bohème”, a “Madame Butterfly” e all’incompiuta Turandot, uno dei maggiori e più significativi operisti di tutti i tempi.

Anche la Scuola Statale Italiana di Madrid, e in particolare il suo Dirigente scolastico Massimo Bonelli, amante del canto lirico e l’opera, ha voluto commemorare il centenario della morte dell’artista. Nulla di meglio per farlo che “Madama Butterfly”.

Redazione Madrid