Messico: chiuso al pubblico il registro di aggressori sessuali

CARACAS.- Nonostante la richiesta della Ministra Yasmín Esquivel e il parere della Commissione di Diritti Umani nazionale e di quella di Città del Messico, il registro in cui vengono scritti i nomi degli aggressori sessuali e dei condannati per femminicidio, è per ora chiuso al pubblico.

Questo sito creato nell’aprile del 2021 rappresenta una utile fonte di informazioni per prevenire la violenza sessuale contro donne, bambine, bambini e adolescenti.

I numeri delle vittime di violenza sessuale in Messico continuano a crescere. Nel 2022 ben 27 dei 32 stati messicani hanno rilevato un aumento nei tassi di violenza sessuale e violenza familiare. Secondo dati nazionali la violenza sessuale rappresenta i due terzi di quella che subiscono le donne in luoghi pubblici. Due terzi di questi stupri sono causati da estranei. Nel 2022 si è registrato un incremento record di chiamate di emergenza per violenza sessuale.

Come ha spiegato il ministro Arturo Zaldívar il registro in cui appaiono i nomi dei violentatori e assassini rappresenta uno strumento che può essere di grande aiuto nella prevenzione, almeno in parte, di questo tipo di delitti. Di diverso parere è il ministro Jorge Pardo che considera che il registro rende difficile il reinserimento sociale delle persone che si sono macchiate di questi delitti.

Nel dubbio la Corte Suprema ha deciso di sospendere per il momento l’apertura al pubblico del registro e di continuare a dibattere per arrivare ad una decisione condivisa.

Lascia un commento