Amarcord: un venezuelano al mondiale di calcio in Italia 1934

Nel mondiale Italia 1934 c'era un venezuelano

CARACAS. – Ieri, con la sfida vinta 0-2 dall’Ecuador sui padroni di casa del Qatar si é alzato il sipario della Coppa del mondo. In questa edizione sono assenti Italia e Venezuela, la prima per la seconda volta di fila non ha timbrato il biglietto. Dal canto suo la Vinotinto non si é mai qualificata, ma con l’arrivo del mister José Pekerman i tifosi sognano in grande in chiave 2026, edizione che si disputerà in Canadá, Stati Uniti e Messico.

E se invece dicessi che il Venezuela ha partecipato per la prima volta ad un mondiale nel 1934, edizione che fu disputata in Italia? La sorpresa sarebbe grande: “Cosa?” “Questo é impazzito!”.

Da oggi inizieremo una serie di storie che vanno oltre il rettangolo verde di gioco.

Il Venezuela è stato presente per la prima volta in una kermesse iridata nell’edizione del 1934. Il torneo italiano iniziò il 27 maggio e si concluse il 10 giugno.

Vi parteciparono sedici squadre: Italia, Argentina, Brasile, Spagna, Francia, Romania, Austria, Cecoslovacchia, Svezia, Svizzera, Ungheria, Stati Uniti, Olanda, Germania, Belgio, Egitto. Si giocò a Roma, Firenze, Bologna, Genova, Torino, Trieste, Napoli. Mancavano i campioni del mondo dell’Uruguay, risentiti nei confronti dell’Italia poiché Roma aveva disertato il Mondiale uruguaiano di quattro anni prima. Il torneo fu vinto dalla nazionale italiana.

Fin qui la storia é nota a tutti. Per il torneo andato in scena nel bel paese furono accreditati 277 giornalisti, uno di loro era venezuelano. Il nome di questo pioniere é sconosciuto! Una volta il giornalista Abelardo Raidi, fondatore anche del ‘Circulo de Periodistas Deportivos’, parló di questo evento. “Non so chi era! Ma non necessariamente era un giornalista. Forse era un diplomatico dell’ambasciata del Venezuela che si era accreditato per assistere all’evento”.

Questo misterioso giornalista é uno dei tanti personaggi che hanno portato il nome del Paese nel massimo evento che raduna le migliori nazionali al mondo.

(di Fioravante De Simone / redazione Caracas)