Migranti: aumentano 64% gli sbarchi nel 2022 e 56% le domande d’asilo

Sbarchi di migranti a Lampedusa.
Sbarchi di migranti a Lampedusa. ANSA/CONCETTA RIZZO

ROMA. – Sono 93mila i migranti sbarcati in Italia quest’anno, il 64% in più rispetto all’anno scorso. Delle persone arrivate via mare, 11.090 sono stati trasportati dalle navi ong e considerando anche il 2021 – quando furono 9.956 quelli soccorsi – sono complessivamente 21.046 gli uomini, le donne e i minori arrivati a terra a bordo di imbarcazioni umanitarie negli ultimi due anni, secondo i dati illustrati oggi alle Camere dal ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi.

Un balzo in avanti si registra anche per quanto riguarda le domande per il riconoscimento della protezione internazionale: ne sono state presentate, alla data del 10 novembre scorso, 69.078, il 56% in più rispetto al 2021 e sono state emesse dalle Commissioni territoriali 50.048 decisioni, pari a circa il +27% in più rispetto all’anno precedente. Di queste decisioni il 57% ha avuto come esito un diniego, mentre il 43% si è concluso positivamente con l’attribuzione delle seguenti forme di protezione: il 13% è stato riconosciuto come rifugiato, il 12% ha ottenuto la protezione sussidiaria e al 18% è stata riconosciuta quella speciale.

Nel sistema di accoglienza sono attualmente presenti 105mila migranti, dato in crescita negli ultimi mesi. La maggior parte (70.502) sta nei centri attivati dalle prefetture, mentre 33.017 sono inseriti nelle strutture del Sistema di accoglienza ed integrazione (Sai) gestito con i Comuni. La Lombardia ha la quota più alta: 11.937, pari all’11% del totale; segue l’Emilia Romagna con 10.403 (il10%) e Piemonte, Sicilia e Lazio con il 9%.

Sempre nell’anno in corso sono state concluse 570 procedure di gara per la contrattualizzazione di oltre 66 mila posti; ma poiché ben 76 gare sono andate deserte, i posti messi a contratto sono stati soltanto poco più di 37 mila, pari alla metà del totale programmato.

Tra i migranti arrivati nel 2022, oltre la metà del totale appartiene a tre nazionalità: egiziani (18.841), tunisini (17.295) e bengalesi (13.007). I minori non accompagnati sono 11.172. Secondo i dati di Frontex, ha spiegato ancora il titolare del Viminale nel suo intervento in Parlamento, sul totale degli ingressi irregolari nel territorio dell’Unione Europea, gli attraversamenti lungo il canale di Sicilia rappresentano la rotta principale degli ingressi illeciti diretti in Europa via mare.