La ministra Reyes Maroto si candida a sindaca di Madrid per il PSOE

MADRID — “Voglio essere la prossima sindaca di Madrid”: con questo annuncio, Reyes Maroto, ministra dell’Industria, del Commercio e del Turismo spagnola, ha scaldato la mattinata politica nella capitale. La sua possibile candidatura per il Partito Socialista (PSOE) era già nell’aria da giorni, ma adesso è uficiale. “Oggi inizia un viaggio al quale voglio invitarvi. Un viaggio per far sì che i madrileni abbiano la Madrid che meritano”, si legge in un messaggio diffuso sul suo profilo Twitter. La sfida all’attuale primo cittadino, il popolare José Luis Martínez-Almeida, è servita.

Nella capitale spagnola, il PSOE parte da un importante deficit rispetto ai rivali del PP, sempre al governo negli ultimi 30 anni ad eccezione della parentesi rappresentata dalla coalizione di centro-sinistra che supportò la sindaca Manuela Carmena tra il 2015 e il 2019. E per il partito del premier Pedro Sánchez strappare lo scettro del potere ad Almeida non sarà impresa facile, nonostante gli ultimi sondaggi segnalino che tutto può essere ancora aperto.

La carta da giocarsi per provarci è quindi quella di uno dei profili più consolidati nei governi di Sánchez, avendo Maroto ricoperto la stessa carica dal giugno del 2018: l’idea dei socialisti è di puntare su una figura che generi sensazione di affidabilità e capacità di gestione.

“La città di Madrid è un buon esempio delle politiche turistiche che stiamo portando avanti dal Ministero”, ha sottolineato oggi intervenendo in un evento organizzato dall’agenzia di stampa Europa Press, nel corso del quale ha ufficializzato la sua candidatura. “Ho anche però conosciuto una Madrid con enormi disuguaglianze e problemi strutturali come la sporcizia, l’assenza di servizi pubblici di qualità per i nostri giovani e per le famiglie degli anziani, la scarsa qualità dell’aria e, ovviamente, degli alloggi”, ha aggiunto.

È per questo che l’aspirante sindaca di Madrid, nata in provincia di Valladolid nel 1973 e residente nella capitale da 25 anni, sostiene che la città abbia bisogno “di politiche diverse”. “Voglio una Madrid in cui madrileni e madrilene possano vivere meglio e sviluppare  appieno il loro potenziale: una Madrid in cui i suoi quartieri, da Villaverde a Hortaleza o Moncloa si sentano parte di un modello di città inclusiva e” femminista”, ha dichiarato. “Per questo ho deciso di fare un passo avanti e presentare la mia candidatura a sindaca della città di Madrid. Ma nel rispetto dei processi interni del mio partito: saranno quindi i militanti del PSOE di Madrid a decidere”.

Per il momento, ha dichiarato a giornalisti in mattinata, Maroto ha intenzione di rimanere in carica come ministra fino alla prossima primavera, quando inizierà la campagna elettorale per le comunali di Madrid. “Non era né la prima, né la seconda, né la terza, né la quarta, né la quinta candidata di Pedro Sánchez per il comune di Madrid”, è stata la replica del suo probabile rivale Martínez-Almeida, affidata ai microfoni di RTVE, “viene per esclusione”.

Redazione Madrid