Putin: un milione di rubli alle mamme con 10 figli

Il presidente Putin. (ANSA)

ROMA.  – Contro il calo demografico russo più figli, ma soprattutto più madri dalla prole quasi bastevole a formare una squadra di calcio. Vladimir Putin ripesca dal cilindro della Storia il titolo e il premio dell’era soviética “Madre eroina” per contrastare il crollo di natalità che colpisce il Paese, precisando che sarà conferito alle donne che generano e crescono dieci o più figli.

Le madri idonee riceveranno il pagamento una tantum di un milione di rubli (equivalenti a 16.000 dollari) non appena il decimo figlio vivente compia un anno, secondo il decreto firmato dal presidente.

Con questa mossa, il capo dello Stato russ  ripristina il titolo onorifico stabilito per la prima volta nel 1944 dal leader sovietico Stalin sulla scia delle massicce perdite di popolazione durante la Seconda guerra mondiale.

L’onorificenza ha smesso di essere assegnata proprio con il crollo dell’Unione Sovietica, nel 1991.

Il titolo di “Madre eroina” – che è allo stesso livello di quelli di “Eroe della Russia” ed “Eroe del lavoro” – non decade se un figlio muore mentre è nelle forze armate, in un attentato terroristico o mentre è impegnato durante un’emergenza. Putin ha affermato che nel Paese stanno gradualmente tornando le famiglie ,numerose da quando ha proposto per la prima volta di ripristinare il titolo di “Madre Eroina” in occasione della Giornata internazionale del bambino, il primo giugno.

Lo zar pensa così di far fronte alla crisi demografica della Russia, la cui popolazione è in declino da decenni, registrando ormai 145,1 milioni di abitanti, con un calo di circa 400.000 persone all’inizio del 2022. Il tasso di flessione della popolazione russa è quasi raddoppiato dal 2021 – quando la pandemia di coronavirus ha portato al più grande calo demografico naturale dalla fine dell’Unione Sovietica – e quasi triplicato dal 2020.

(di Valentina Maresca/ANSA).